Giovedì 14 Marzo 2019 – ore 15.00 – sala civica di Vago

STORIASchermata del 2019-03-12 08-43-15
Abbadessa, un modello di
accoglienza nel Settecento.
dott. Elvira Chiosi e
dott. Aniello d’Iorio

La prof. Elvira Chiosi, già Ordinario di Storia Moderna all’Università “Federico II” di Napoli, e il dott. Aniello D’Iorio racconteranno vicende relative all’insediamento in Abruzzo di una comunità albanese nel 1743.
A partire dal 2000 a. C. giunsero da nord e da sud grandi flussi migratori che formarono le varie popolazioni italiche. A seguire le prime immigrazioni celtiche, le comunità fenicie, le colonie greche nella cosiddetta Magna Grecia. E poi in età tardo antica e nel medioevo i Longobardi a Nord e gli arabi in Sicilia. Senza trascurare la presenza delle comunità ebraiche che risale al I secolo d.C. come documentano graffiti murali a Pompei.
Dall’Europa orientale albanesi e slavi, fuggendo alla decadenza economica dell’area e alla pressione ottomana, fin dal XV secolo trovarono rifugio in Italia, anche al servizio militare dei sovrani. Le cause delle migrazioni furono la fuga da guerre e persecuzioni religiose, nella ricerca di condizioni di vita migliori.
Il caso di Abbadessa in Abruzzo pone in luce modalità e caratteristiche di un’accoglienza fruttifera per chi arrivava e chi accoglieva, nel rispetto dell’identità dei migranti e degli obblighi da entrambe le parti assunti.