Mercoledì 20 Febbraio – ore 15,00 – sala civica di Vago

EDUCAZIONE ALLA SALUTESchermata del 2019-02-16 14-31-21
Prevenzione, diagnosi e terapia
della patologia mammaria.
dott.sse Chiara Benassuti e
Francesca Fornasa

La donna alla quale viene diagnosticata una neoplasia, viene inserita nel nostro percorso terapeutico che vede coinvolti medici di varie specialità e personale infermieristico. Questo garantisce che la paziente riceva la miglior assistenza per l’intero iter assistenziale. Il caso viene discusso collegialmente: un giorno alla settimana tutti gli specialisti si incontrano per giungere ad una scelta terapeutica unica e condivisa. Questo può portare ad ulteriori indagini, ad una terapia chirurgica o, inizialmente, medica. Questo permette che ogni donna riceva una “cura personalizzata”. Per quanto riguarda la CHIRURGIA, proprio grazie alle campagne di sensibilizzazione e di screening, si è arrivati al riconoscimento e quindi alla diagnosi di tumori di sempre più’ piccole dimensioni che hanno reso possibili gli INTERVENTI CONSERVATIVI. Tutto il personale dell’equipe di chirurgia senologica è pronto a dare alla donna operata al seno precise risposte sia nei primi momenti dopo l’intervento (es trattamento del dolore, gestione dei drenaggi e fasciature) sia nel post-operatorio dopo la dimissione (che avviene nel giro di pochi giorni in base al tipo di intervento) in occasione dei controlli ambulatoriali. Da quanto detto risulta chiaro che i chirurghi cooperano quotidianamente con tutti gli specialisti che compongono la breast unit e siamo convinti che solo un lavoro d’equipe multidisciplinare possa essere alla base dell’eccellenza che permette di raggiungere i migliori risultati.

Schermata del 2019-02-16 14-45-50

Schermata del 2019-02-16 14-46-54

Giovedì 07 Febbraio 2019 – ore 15,00 – sala civica di Vago

BENESSERESchermata del 2019-02-02 10-53-27
Cristalloterapia: tra leggenda
e tradizioni.
Maria Grazia Belli e
Eddy Verzini

Il regno minerale, con la sua capacità di assumere una miriade di forme, colori e dimensioni, esercita ancora un grande fascino sull’essere umano, così come ha fatto fin dagli albori di ogni civiltà. Intorno a esso si sono costruiti miti e leggende e, più recentemente, studi scientifici che ne hanno certificato alcune proprietà che lo rende un alleato indispensabile per l’evoluzione dell’uomo. Basti pensare, da una parte, alle credenze dei popoli nativi che ancora oggi considerano le pietre e, più in generale, tutto il regno minerale, dotati di coscienza e personalità, tanto da invocare la loro presenza spirituale durante le cerimonie a scopo religioso e curativo.
Per la parte scientifica è necessario pensare ai numerosi strumenti tecnologici che funzionano esclusivamente grazie al sapiente utilizzo di alcune caratteristiche di particolari minerali, come la loro composizione chimica e la loro struttura cristallina, come nel caso dei meccanismi degli orologi al quarzo o al funzionamento dei laser.
A fare da ponte tra le due dimensioni, quella razionale e quella sognante, si collocano l’arte della gioielleria e della mineralogia che ne sovrintende la perfetta realizzazione.
Sarà proposta al nostro pubblico la conoscenza dell’articolata materia attraverso gli interventi incrociati di due appassionati studiosi di pietre e cristalli, ognuno maggiormente formato in uno dei due punti di vista, scientifico e folkloristico, ma inevitabilmente contaminati dal fascino della controparte:
la Dottoressa Maria Grazia Belli, mineralista e Presidente dell’Università Popolare tratterà dell’origine e della conformazione di alcune tra le più interessanti strutture cristalline, con alcune incursioni tra quelle di più recente scoperta e classificazione come le rare Charoite e Sugilite, e proietterà le relative immagini, scelte tra quelle di maggior effetto.
Eddy Verzini, studioso autodidatta, conoscitore della dimensione “invisibile” dei minerali, racconterà delle caratteristiche attribuite loro dalle tradizioni native e popolari, tra le quali le associazioni tra pietre e parti del corpo e le ipotizzate (ma non ancora dimostrate) proprietà curative che esse avrebbero sull’essere umano.
Durante la conferenza sarà possibile vedere e toccare con mano alcuni esemplari per gustarne la bellezza e sperimentarne il fascino sottile.

Giovedì 24 Gennaio 2019 – ore 15.00 – sala civica di Vago

EDUCAZIONE ALLA SALUTESchermata del 2019-01-19 17-41-17
Benessere personale e sessualità
nella terza età.
dott. Gaia Bellini

La sessualità è definita come parte del benessere personale, che può essere vissuta in coppia, in un progetto di vita. L’aspettativa di vita oggi si è prolungata con una percezione biologica spesso diversa dal reale. Sia nell’uomo che nella donna avvengono dei cambiamenti fisici con il progredire dell’età che possono influire sulla sessualità. Tratteremo i
vari aspetti che la costituiscono, e la modalità per viverla serenamente,
senza pregiudizi, miti, tabù.

Schermata del 2019-01-19 17-51-13

Schermata del 2019-01-19 17-51-42

Giovedì 17 Gennaio 2019 – ore 15,00 – Pieve di Colognola ai Colli

TRA STORIA E CRONACASchermata del 2019-01-12 16-14-59
La Pieve di Colognola ai Colli: un
viaggio nella sua storia e le sue opere
dott. Elisa Battaglia presentata dal
prof. Giuseppe Corrà

Presso la Pieve di Colognola ai Colli si terrà la presentazione del libro e successivamente ci sarà la visita del sito guidata dalla Dott. Elisa Battaglia.
Un libro nato per raccogliere la storia e i documenti della comunità e come guida per i visitatori; un modo per far conoscere la storia dell’antica Pieve di Colognola ai Colli ma anche gli affreschi e altre opere al suo interno che nei secoli hanno dato un valore aggiunto a questo antico sito di culto. Tra storia, arte, curiosità e religiosità potrete assaporare l’antico genius loci che avvolge ancora questa località, immergendovi in uno spazio di natura e pace. Appuntamento alle 14.30 davanti alla Sala Civica di Vago per tutti coloro che sono sprovvisti di mezzi propri.

Schermata del 2019-01-12 16-03-43

image-largejpg

Giovedì 13 Dicembre 2018 – ore 15,00 – sala civica di Vago

L’ANGOLO DELLA PSICOLOGIASchermata del 2018-12-09 13-09-44
L’invecchiamento sano o patologico: come distinguerlo.
dott. Clelia Cavedini e Elena Bersan

In questi ultimi anni la durata media e la qualità della vita hanno subito un notevole incremento rispetto al passato e la nostra società ha assistito ad un progressivo aumento della popolazione anziana. A causa di questi cambiamenti nella nostra realtà stanno assumendo sempre maggiore importanza le problematiche legate all’invecchiamento e, tra queste, quelle relative ai disturbi cognitivi. Rispetto a queste tematiche c’è nell’opinione pubblica un po’ di confusione: da un lato alcuni sottovalutano il problema, attribuendo alla senilità quei mutamenti che, invece, dovrebbero allarmare in quanto espressione di malattia. Altri invece sopravvalutano il problema: confondendo il normale indebolimento di alcune funzioni mentali con i sintomi della demenza. Occorre pertanto fare chiarezza e  distinguere l’invecchiamento fisiologico da quello patologico.

invecchiamento2

logo studio

Giovedì 06 Dicembre 2018 – ore 15,00 – sala civica di Vago

TERRITORIO E ISTITUZIONIIMG_6061
Il fascismo
Le politiche del lavoro e
la carta dei servizi
arch. Simone Albi sindaco di Lavagno

Con questo scritto, che ha riguardato la recente presentazione di una tesi di laurea, si è cercato di analizzare le rilevanti novità che vennero introdotte nel diritto del lavoro con la legislazione in epoca fascista. In primis la Carta sociale del lavoro, con la quale si posero le basi per tutte le future riforme fasciste in ambito laburistico, tra le altre, quelle riguardanti gli istituti assicurativi a tutela del lavoratori, le indennità di disoccupazione, i mezzi di sostentamento per la vecchiaia, il tetto massimo all’orario del lavoro, le garanzie in caso di malattie ed il trattamento economico delle ferie. Inoltre, ci si soffermerà sul diritto di sciopero, per verificare entro quali limiti e con quali modalità lo stesso venne compreso dalla legislazione fascista, fino addirittura a farlo diventare una condotta penalisticamente rilevante.

Giovedì 08 Novembre – ore 15,00 – sala civica di Vago

ARTEIMG_2439
I grandi maestri del 900′ europeo
L’opera di Salvador Dalì
prof. Agostino Milani

Salvador Dalì e Federico Garcia Lorca. Salvador Dalì e Amanda Lear. Salvador Dalì e Gaia.
Un genio o una macchina da far soldi? Salvador Dalì rimane comunque uno dei più importanti artisti del 900′. Ha spaziato in tutti i campi: dall’oggettistica ai profumi alle copertine dei dischi. Di se stesso diceva: “L’unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo”.

10608354

Image-1

Giovedì 25 Ottobre 2018 – ore 15,00 – sala civica di Vago

EDUCAZIONE ALLA SALUTEDSCN 9830
Che cos’è il caffè? Una droga, uno
status simbol, un vizio, un elemento
religioso o una bevanda nociva?
dott. Vincenzo Casano

 

Prendere il caffè per molti è un’abitudine quotidiana. É un momento di pausa dal lavoro, un’attimo per liberare la mente e tornare a scoprirci più energici. Ma in quella sostanza racchiusa che beviamo, cosa si nasconde?Arabica-piantaCaffe_thumb660x453

 

Giovedì 18 Ottobre 2018 – ore 15.00 – sala civica di Vago

 

EDUCAZIONE ALLA SALUTESchermata del 2018-10-13 14-10-44
Antibiotici e batteri: un duello globale
dott. Anna Benini
(Farmacologia, Dipartimento di Diagnostica
e Sanità Pubblica, Università di Verona)

Novant’anni fa, nel 1928 Alexander Fleming scoprì la penicillina, uno dei farmaci che ha rivoluzionato la medicina mondiale e che ha permesso di curare malattie fino a quel momento mortali. Dopo la penicillina, numerosi altri antibiotici furono scoperti tanto da farci pensare che il problema delle infezioni batteriche fosse superato. Ora, nel 2018, dopo anni di utilizzo esagerato ed irresponsabile di antibiotici sia nella comunità che in ambiente ospedaliero, ma anche negli allevamenti di bestiame, ci troviamo di fronte a un preoccupante aumento di super-batteri resistenti a tutti gli antimicrobici conosciuti. E’ necessario mettere in atto delle strategie che ci permettano di combattere questi super-batteri scoprendo nuovi antibiotici, ma soprattutto salvaguardando quelli che abbiamo a disposizione e prendere coscienza del buon utilizzo di questi farmaci essenziali.
E’ una lotta globale che ci vede coinvolti tutti, medici, ricercatori, veterinari, allevatori, pazienti e popolazione, perché si sta combattendo una battaglia decisiva nella guerra alle malattie infettive di origine batterica ed è doveroso che ognuno di noi faccia la propria parte.

resistenza-antibiotici

download